23/11/2013 - Simona, Gloria e Zoe

Simona ed io ci siamo conosciute 10 anni fa e questo novembre abbiamo festeggiato 8 anni trascorsi insieme: anni meravigliosi, in cui il nostro amore non ha fatto altro che maturare e crescere. Anni indimenticabili che hanno acceso piano piano dentro di noi il desiderio di formare una famiglia, di sposarci, avere dei bambini, vivere questo grande amore con loro e continuare a crescere con loro.
Esattamente un anno fa abbiamo deciso di intraprendere la ricerca di nostra figlia: ci siamo quindi affidate alle leggi danesi, che ci avrebbero permesso di sperare in quel sogno. Dopo due mesi e mezzo dal primo tentativo, Simona mi ha chiesto di sposarla a Brugge, vicino a Bruxelles, in un parco meraviglioso, e lì ho sentito realizzarsi un altro mio desiderio, dopo tutti quelli già realizzati con e grazie a lei: il desiderio di essere ufficialmente la sua persona, di essere la compagna della sua anima... Anche se è il cuore che conta, l'ufficialità della cosa ci consacra davanti a tutto il mondo e questo è così romantico...

È, così, iniziata l’organizzazione del nostro matrimonio. Previsto per agosto di questo stesso anno, ci siamo subito attivate per i documenti che sarebbero serviti in Danimarca e, nell’attesa di averli a disposizione… sono rimasta incinta di Zoe. Si può immaginare la felicità che ha caratterizzato quei mesi: vedere la nostra piccola crescere dentro di me di settimana in settimana, iniziare a sentirne i movimenti, a cogliere le delicate risposte che con i piedini e le manine dava ai nostri richiami, percepirne la dolcezza e cogliere appieno la sacralità di ciò che ci stava accadendo. Il tutto insieme all’organizzazione del giorno in cui, dopo tanto tempo, avremmo finalmente coronato il nostro sogno di diventare coniugi, con l’unico rammarico che a nominarci tali sarebbe stato un Paese estero e non la nostra Nazione di nascita. I giorni sono passati tra tanta emozione, trepidazione e l’amore che, unendoci, ci faceva sentire sempre più sicure e forti.

Il 19 agosto 2013 ci siamo sposate nel Comune di Copenhagen, la nostra città adottiva. Ripensare a quei momenti fa sempre scorrere qualche lacrima di emozione. Sposarci ha significato toccare con l’anima e ogni parte del corpo quel momento che in Italia ci è negato; ma questo non ci ha impedito di costruire la nostra famiglia della quale non possiamo che parlare a testa alta, sicure dell’amore, dei progetti e del rispetto che la fondano.

La nostra Zoe è stata concepita a Copenhagen, presso la Stork Klinik, alla quale ci siamo rivolte avendo sentito fin dalle prime mail un’accoglienza piena di umanità e calore, attenzioni e chiarezza che ci hanno fatto sentire a casa. Ed è stata, questa, una sensazione fondamentale in un momento in cui, per l’ennesima volta, il nostro Stato ci lasciava da sole, senza possibilità di costruire una famiglia, di essere almeno riconosciute come coppia esistente, di avere un minimo di tutela.
Abbiamo fatto il primo colloquio con un’ostetrica della clinica via skype, durante il quale abbiamo affrontato non solo gli aspetti tecnici dell’IUI (inseminazione intra uterina), ma anche gli aspetti emozionali che questo passo avrebbe comportato e le motivazioni di alcune nostre scelte (il donatore anonimo, per esempio).
E’ stata chiara la serietà della politica della clinica: offrire la possibilità di diventare genitori accompagnando la coppia nel percorso, laddove vi siano perplessità, dubbi, paure. A dispetto delle nostre aspettative di giovani italiane abituate a standard di accoglienza della coppia omosessuale ben diversi, in clinica anche Simona ha firmato un documento nel quale entrambe abbiamo dichiarato di impegnarci a prenderci cura di nostra figlia: incredibile ma vero, all’estero la mamma non biologica viene considerata nel pieno dei suoi diritti, doveri e dignità di genitore a pieno titolo!

Il primo tentativo non è andato a buon fine, ma il secondo… quello sì e in questi giorni ci regalerà il suo frutto, la nostra piccola Zoe… Le tue mamme ti aspettano…

Simona, Gloria e Zoe nel pancino (Brescia) 

APPUNTAMENTI IN AGENDA

10 Nov 18-Mobilitazione NO PILLON

Famiglie Arcobaleno scende in piazza a fianco di chi ha cuore un paese più civile, laico e giusto. >>

19-20-21-ottobre 2018 - San Vincenzo (LI

Assemblea Nazionale Famiglie Arcobaleno >>

28 Giugno H 16.00, Foggia

Stepchild Adoption e adozioni >>
TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN AGENDA >
Devolvi il 5 per mille a Famiglie Arcobaleno

Se desideri 
associarti e ricevere info sulle modalità per farlocompila il form  cliccando qui