09/07/2016 - Torino Pride, intervento referente Piemonte Silvia Starnini

Figli che esistono già.
Agata, Amalia, Cecilia, Emma, Sofia, Tommaso, Jordy, Flavio, Diego, Zelia Emma, e altri…
Sono i nomi dei nostri figli, figli di 2 mamme o 2 papa', quei figli di cui si parla quando si nomina questa misteriosa step child adoption.
Mica un’invenzione ideologica, ma figli che esistono gia'.

Le persone come me sono genitori che portano i bambini a scuola o all'asilo, vanno a colloquio gli insegnanti, vedono i pediatri e trascorrono infiniti pomeriggi tra il parco giochi e le feste di compleanno. Genitori che, come gli altri, perdono subito la qualifica di essere umano individuale per diventare “mamma di Cecilia” o “papà di Giovanni”, perché così veniamo accolti dagli altri bambini e dalle maestre e persino dall’inflessibile custode all’ingresso della scuola, che mi sgrida se arrivo tardi:“ ahi ahi mamma, sbrigati!”

Tuttavia ai genitori come me manca un dettaglio.
Vi racconto una storia, una storia che non vorrei dover raccontare.
Al termine di una visita medica sportiva il medico che ha visitato mia figlia, che non ci conosceva ma la sentiva chiamarmi ‘mamma, mamma, mamma’ , mi ha detto “venga mamma, firmi qui”.
E io ho dovuto dirgli di no. Che non sono la madre biologica, e non posso firmare nulla.
E ho dovuto sussurrarglielo perché di questo, di questo si, mi vergogno: che la mia firma non abbia alcun valore legale. Quel valore legale che mi è necessario per proteggere la persona che amo di più al mondo.

Io, e tanti altri in questa piazza, siamo già genitori, e lo siamo indipententemente dalle opinioni, anche feroci e violente , che in questi giorni ci capita di sentire, di leggere sui social, di ascoltare dalla bocca di alcuni politici.
I figli sono gia' nostri, siamo noi che li alleviamo, li svegliamo e li mettiamo a letto.
I bambini – dicono tutti gli studi – hanno bisogno di genitori che li amino indipendendemente dal genere e dal numero. Solo di questo, e non è poco.

Questi figli esistono già e sono già nostri, e anche questa sera saremo noi a metterli a letto.
Io sono madre anche se non ho portato Cecilia nella mia pancia, sono madre perché lei ha bisogno di mamma Silvia.
E io sono una madre e quello che so fare, e lo faccio da prima che nascesse, è prendermi cura di lei ogni giorno.
I nostri figli esistono già.
E io ho scelto di essere madre.

Silvia Starnini
Referente Piemonte Famiglie Arcobaleno
Indietro

APPUNTAMENTI IN AGENDA

10 Nov 18-Mobilitazione NO PILLON

Famiglie Arcobaleno scende in piazza a fianco di chi ha cuore un paese più civile, laico e giusto. >>

19-20-21-ottobre 2018 - San Vincenzo (LI

Assemblea Nazionale Famiglie Arcobaleno >>

28 Giugno H 16.00, Foggia

Stepchild Adoption e adozioni >>
TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN AGENDA >
Devolvi il 5 per mille a Famiglie Arcobaleno

Se desideri 
associarti e ricevere info sulle modalità per farlocompila il form  cliccando qui