21/02/2017  "L'attacco all'UNAR è un attacco alla cultura del rispetto e delle differenze."

I falsi scoop de Le Iene dovrebbero far riflettere quando hanno come unico risultato quello di bloccare fondi destinati ai centri ascolto e antiviolenza e alle dimissioni del direttore dell’UNAR Francesco Spano.
Demonizzare i locali gay, usando il sesso come arma, ci dà la misura del clima da caccia alle streghe che ormai la fa da padrone nel nostro Paese. Ci chiediamo se il passo indietro chiesto a Spano abbia a che fare con il suo orientamento sessuale o con il sostegno alle politiche volte a combattere l’omolesbotransfobia.
Bloccare i fondi dell’UNAR significa silenziare la nostra presenza nelle scuole, il nostro ostinato lavoro per diffondere la cultura del rispetto e delle differenze, il nostro impegno nel combattere le Infezioni Sessualmente Trasmesse e abbandonare a loro stessi i ragazzi e le ragazze gay, lesbiche e transessuali ancora vittime di discriminazioni e violenze.
Il clima che si è creato nel nostro paese, e alimentato ad arte da certa televisione, dovrebbe allarmarci tutti anche al di fuori della comunità LGBTQI.
Esprimiamo la nostra solidarietà a Francesco Spano e ad Anddos per il lavoro svolto e per l’impegno nel rendere l’Italia un paese più inclusivo per tutte e tutti.

Famiglie Arcobaleno
Presidente Marilena Grassadonia 

APPUNTAMENTI IN AGENDA

28 Giugno H 16.00, Foggia

Stepchild Adoption e adozioni >>

18 Maggio H 10.30, Bari 

La famiglia in evoluzione: aspetti e nuovi modelli >>

17/20 Maggio, Brescia

OpenUp Festival della citta' aperta alle differenze sessuali  >>
TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN AGENDA >
Devolvi il 5 per mille a Famiglie Arcobaleno