21/01/2017 Famiglie arcobaleno: la legge serve, lo dice la cassazione

Roma. "Ringrazio il primo presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio per le parole chiare pronunciate sulla genitorialità omosessuale: serve una legge che tuteli l'interesse preminente dei minori, non possiamo che essere d'accordo. Ora tocca alla politica fare la sua parte: i giudici possono fare molto seguendo il principio guida della tutela dei bambini, ma una legge chiara è l'unica strada che può aprire sopra ogni minore un ombrello di serenità e protezione pari a quello che hanno tutti gli altri".
Così la presidente di Famiglie Arcobaleno Marilena Grassadonia commenta le parole pronunciate questa mattina dal giudice che, ricordando le due importanti sentenze del 2016, rispettivamente in tema di adozione del figlio del partner e di trascrizione dell'atto di nascita a favore di entrambe le madri, ha sottolineato come si sia favorito, in entrambi i casi, "il consolidamento del rapporto tra il minore e chi già se ne prende cura", ricostruendo l'istituto familiare come "comunità di vita e di affetti, incentrata sui rapporti concreti che si instaurano tra i suoi componenti".
"Auspichiamo che il progetto comune di genitorialità, valorizzato dalla sentenza sulla trascrizione - aggiunge Grassadonia - sia la solida base grazie a cui la politica apra finalmente gli occhi e riconosca che genitori lo si è e lo si diventa soprattutto con il cuore, dando piena dignità alla realtà delle famiglie arcobaleno". 


Famiglie Arcobaleno
Samuele Cafasso - Ufficio Stampa: 3470080486
stampa@famigliearcobaleno.org

APPUNTAMENTI IN AGENDA

20 Aprile H 18.00, Trento 

Libri al Centro: Incontro con Melita Cavallo  >>

31 Marzo/1 Aprile, Arco (TN)  

LAIKODAY 2017: La laicità ci salverà!  >>

24 marzo H 14.30, Napoli 

Convegno Internazionale Nelfa >>
TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN AGENDA >
Devolvi il 5 per mille a Famiglie Arcobaleno