23/11/2016 FAMIGLIE ARCOBALENO: #FIGLISENZADIRITTI, QUESTA LEGGE NON FUNZIONA

La presidente Grassadonia: caos sentenze, governo Ponzio Pilato con i bambini

Roma – In merito alla sentenza di Milano che nega la doppia adozione incrociata per le due figlie di una coppia lesbica, le socie e i soci di Famiglie Arcobaleno si dicono delusi ma certo non stupiti e tornano a denunciare le gravi mancanze della legge Cirinnà sui social network con l’hashtag #figlisenzadiritti.

“Questo è il risultato – spiega la presidente Marilena Grassadonia – di una legge discriminante, la legge Cirinnà, figlia di un compromesso vergognoso sulla pelle dei bambini. L’abbiamo detto fin dall’inizio: lasciare ogni singola decisione sulla possibilità per un bimbo o una bimba di vedersi riconosciuti i propri genitori ai magistrati, obbligati così a decidere sulla base di una legislazione farraginosa, sottopone la vita delle nostre famiglie a una incertezza insopportabile”.

Dopo l’approvazione della legge Cirinnà, i tribunali italiani hanno approvato diverse sentenze a favore di coppie gay o lesbiche che chiedevano il riconoscimento anche del genitore non biologico secondo lo schema dell’adozione del figlio del partner. In molti casi le sentenze sono state favorevoli alle famiglie arcobaleno, in altri no. “Ci sono tribunali con una visione più aperta e innovativa e altri meno – racconta Grassadonia -. A seconda di dove una coppia vive, ci sono più o meno possibilità che la loro richiesta venga accolta. Lo chiedo ai politici che hanno fatto questa legge: è una cosa giusta questa? Lasciare la vita delle persone in balia a leggi poco chiare? Con noi il governo Renzi si è comportato come Ponzio Pilato, lavandosene le mani dei diritti dei nostri figli. Chiediamo ancora una volta di tornare in parlamento e legiferare in modo chiaro sulla serenità dei nostri figli: ci sono centinaia di minori non tutelati”.

In dettaglio, Famiglie Arcobaleno segnala che la decisione presa dal Tribunale di Milano è in contrasto con l'interpretazione contenuta in sentenze di altri tribunali, tra cui quella del Tribunale di Roma del 30/06/214, che è stata confermata dalla Corte di Cassazione con la sentenza 12692 del 26/05/2016. La pronuncia della Cassazione – pur non costituendo un limite invalicabile - continua ad avere un forte valore di orientamento nella attività decisionale dei singoli giudici, che auspichiamo conformeranno – nella maggioranza dei casi – tale interpretazione. E, tuttavia, la decisione di Milano di cui oggi abbiamo notizia è un grave precedente per le molte altre famiglie lombarde, così come orientamenti negativi stanno affiorando anche in altre città. 

APPUNTAMENTI IN AGENDA

5 Mag 2019 - Festa delle Famiglie

Nell’ambito dell’INTERNATIONAL FAMILIES EQUALITY DAY l’Associazione Famiglie Arcobaleno festeggia in Italia tutte le famiglie nella prima domenica di Maggio. >>

10 Nov 18-Mobilitazione NO PILLON

Famiglie Arcobaleno scende in piazza a fianco di chi ha cuore un paese più civile, laico e giusto. >>

19-20-21-ottobre 2018 - San Vincenzo (LI

Assemblea Nazionale Famiglie Arcobaleno >>
TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN AGENDA >
Devolvi il 5 per mille a Famiglie Arcobaleno
 
In mailing list le istruzioni per il rinnovo 2019!!


Per un’Italia più giusta,


Sostieni famiglie Arcobaleno

Se desideri associarti e ricevere info sulle modalità per farlocompila il form  cliccando qui